Un giro pazzesco, bellissimo ed estenuante. Non abituata a viaggiare con un tour organizzato, mi sono adattata abbastanza, ma non lo rifarei. La Sicilia é strepitosa, ogni aggettivo roboante le si adatta alla perfezione, ci si innamora di questa terra. Due erano i miei obbiettivi, li ho raggiunti con determinazione. Per vedere la Scala dei Turchi, ho prenotato un taxi alle. 6 di mattina, ma il godermela in solitaria non ha avuto prezzo. Mio marito mi ha frenata fino all’ultimo, ma sorda ad ogni argomentazione, me ne sono andata per i fatti miei, e ho fatto benissimo. A Catania, ho scelto di salire sull’Etna, invece di andare al Santuario per la Messa. Un po’di difficoltá me le ha create la capogruppo, a cui ho firmato una liberatoria che sollevava da ogni responsabilitá e copertura assicurativa. Con maritino e una coppia che si é aggregata all’ultimo, abbiamo vissuto una esperienza intensa, molto istruttiva. E per finire, con la cocciutaggine che mi appartiene , mi sono fatta portare a Taormina, Giardini Naxos, Isolabella, mollando i mariti in hotel e trascinando la titubante signora, che poi mi ha ringraziato per averla convinta. Si sa: ho la volontá di un asino da soma e la determinazione di un esploratore. Una perla che conserveró nel cuore é Aci Trezza, di memoria scolastica, di una bellezza sconvolgente. Non so se torneró in Sicilia, la salute mi sta limitando sempre di piú, faccio ormai fatica a tenere il ritmo e ne risento tantissimo, peró, se avró occasione, un giretto, piú limitato, lo farei volentieri. Per ora un bel ricordo ë custodito nei miei occhi e nel mio cuore, per sempre. 

    
 

Annunci