Se sono triste,cucino. Questa mia reazione ë iniziata 8 anni fa: cucinando la mente é impegnata,attenta agli ingredienti, alle mescole, al fuoco,al forno, ai condimenti. Tutto ció migliora il mio umore, e un po’ mi rasserena. Quindi oggi, al termine di una giornata durissima, che mi ha provato fisicamente e moralmente, ho pensato ad Enrico, a cosa potevo fare per trattenerlo ancora un po’ con noi. Lui,amante della buona tavola, avrebbe apprezzato, forse davvero si  sarebbe trattenuto quí ancora un po’ , per assaporare. I dolci erano il suo punto debole e quindi é stato facile! Ho fatto il tiramisú al’arancia, intriso di lacrime e dolcezza, di ricordi belli e di sconforto. L’ho messo in frigo,deve riposare fino a domani ,quindi,caro amico,ti tocca aspettare,con me,ancora un altro poco, giusto per farmi abituare a come sará senza poterti piú vedere…..

Annunci