Sotto al solleone,andiamo a Sulzano,lago d’Iseo. Tutto ben organizzato,ma le code non si possono evitare,fortuna che i pompieri ci bagnano con l’idrante per rinfrescarci! Il bello é essere in fila,parlare con sconosciuti,capire le motivazioni che ci hanno spinto fin quí,da ogni parte d’Italia, scambiarsi acqua minerale,biscotti,caramelle,aspettare insieme di accedere alla passerella sull’acqua. Poi ,magicamente,eccoci a bordo lago: un nastro giallo sole ci attende. É strano e bellissimo percorrerlo,sembra di essere un po’ Gesú che cammina sull’acqua. Dondola un poco ma da sicurezza,ci sono migliaia di persone,cani,bambini,disabili,anche qualche cretino maleducato,ma ci sta,nel numero.  Passeggiare sul lago mi calma l’animo,sono pervasa da una pace interiore,nonostante la folla che mi passa accanto. Il paesaggio vale la pena,da solo,a ripagarti di tutto. Sull’isolotto é piú stretto,comunque scorrevole. Unica carenza sono i pochi bagni,ci si deve adattare. Mi fermo a metá percorso,lascio che i miei sodali amici completino il giro. Anche alla mia sosta ho occasione di socializzare,ed é la parte fantastica di questa esperienza,quella che fa riflettere. Se le stesse persone le incontrassi,per esempio, in metropolitana,scommetto che con ci saremmo mai parlati o salutati,nonostante io sia una chiacchierona che interagisce anche con i cani! Il ritorno é un po’triste e siamo stroncati dalla temperatura,ma torneró fra pochi giorni con mia figlia: voglio che possa godere pure lei di una esperienza unica e irripetibile,che potrá raccontare ai miei nipoti,dicendo” anche tua nonna lo ha percorso,nonostante…..” 

  

Annunci