Il bilancio della mia degenza ospedaliera. I buchi dovevano essere 3, invece,con complicazioni sono 4 . Le vene che mi hanno rotto sono 7, potevano essere 6 se solo mi avesse ascoltato quell’infermiera stamattina. Comunque sono viva e aspetto i risultati. Vivró sospesa nel dubbio per 20 giorni,poi sapró che percorso mi aspetta… Medici meravigliosi,diagnostistica al top,un po’meno eccellente il personale di reparto,ma sorvoliamo. Degenza breve: sono a casa,stropicciata come una foglia,ma conto che una buona dormita nel mio letto mi rimetta in sesto. Lentamente mi riprenderó. Sono circondata da un affetto smisurato,amicizie vere, rapporti rinsaldati e il mio cuore vola. Nonostante il momento non ideale,sono molto felice. Non posso che prostrarmi nei ringraziamenti a tutti quelli che ci sono stati per me,gente che neppure immaginavo ci tenesse cosí tanto al mio benessere. Spero che quest’onda positiva mi porti in alto,fuori dal dolore e dalla preoccupazione,e mi dia modo di ricambiare tanto bene riversatomi.

Annunci