Archivi per il mese di: maggio, 2016

Sandrella,da sola,si perde. Perde tempo ed energia nel smistare le cose,esamina ogni oggetto,foglio,stoffa,non riesce a distaccarsi. Prof é anche peggio,guarda tutto,commenta tutto. Fortuna che io sono una bestia da soma,un caterpillar,poco fine ma adatta per gli sbarazzi. É cosí che in due pomeriggi abbiamo fatto lo sbarazzo epocale delle Tre Venezie,dividendo i rifiuti,salvando il salvabile,recuperando coperte per il canile,corredi per bisognosi e altro ancora. Finalmente le stanze sono semi vuote,si inizia ad intravvedere come sará la nuova dimora. Attendiamo che vengano i facchini a smontare i mobili ormai vuoti,non c’é piú traccia di vite precedenti. Presto resteranno i nudi muri,pronti ad accoglire un nuovo proprietario,solidi e ospitali,desiderosi di essere dipinti allegramente,arredati con gusto personale. L’avventura,iniziata a dicembre,é nel mezzo del suo corso. Penso che la parte più difficile sia stata compiuta: rendere libera da vestigia precedenti una casa che aspetta solo di tornare viva. E noi giá vediamo il futuro,lo scorrere delle stagioni,il giardino che muta,i lavori urgenti e quelli che forse non si faranno mai, le voci e le risate dei nuovi ospiti,lo stupore dei parenti scettici,l’entusiasmo di un paese che supporta e aiuta. Una avventura che non ha prezzo,che riempie il cuore e la mente. To be continued…

Annunci

Uscendo lentamente dal Limbo,cercando di vivere senza pensare al futuro,ieri sono andata al supermercato. Appena svoltata la rotonda di entrata,un presidio di lavoratori occupava la carreggiata. Abbasso il finestrino,una signora gentile mi spiega le ragioni del loro gesto. Condizioni economiche da terzo mondo,lavoro festivo,contratti al limite della legalitá ,conclude: ” se vuol farci un piacere,vada a far spesa alla Coop,lí le condizioni lavorative sono decenti. Metta il nostro manifestino sul carrello,cosí fará da eco alla nostra protesta”. Sono sensibilissima alle condizioni lavorative,alla giustizia sociale e anche se per andare alla Coop devo attraversare tutta la cittá ed é scomodissimo,penso che nel mio piccolo devo dare un segnale,é giusto cosí. Inverto il senso di marcia e dal presidio parte uno scrosciante applauso.  Piccoli gesti per sistenere grandi battaglie,anche se siamo molto lontani dalla Francia….

Esistono! Li ho scoperti a Latina. Mai dormito meglio: temperatura esterna molto estiva,ma a letto,sotto al piumino estivo,si stava da Dio. Sono isotermici,leggerissimi,traspiranti,e li vendono ad Ikea a 16,99 eu. Ne ho presi 3, per tutti i letti delle mie case. Stasera lo collaudo quí,in Padania,sperando nello stesso effetto del Lazio. Non ho avvertito maritino: vediamo se se ne accorge o domattina si lamenta come un frate trappista. Buona notte.

La cosa piú difficile per me. Sono persona attiva,che aggredisce i problemi, morde la vita,ho fretta di risolvere e quest’attesa mi sta destabilizzando. Durante il giorno mi tengo occupata,faccio mille cose,ma la sera,quando mi rilasso,la mente torna sempre lí: quando arriverá l’esito? E come sarå? Come potrebbe cambiare la mia vita? Mi faccio mille quadri mentali,prospettive, poi mi attacco alle cose stupide. Esempio: se non é niente,cambio l’auto, mi compro un vestito nuovo,vado 3 giorni in vacanza, ecc… Se invece va male…non penso più. Cerco di vivere in leggerezza,ma vorrei vedere nero su bianco una sentenza,e intanto aspetto……

Se te lo dicono,anche in tanti,non ci credi. S.Tommaso é il tuo guru: se non tocchi con mano,niente.  Cosí,ne devi mangiare piú di 7 fette per capire che é polenta,e nel frattempo vivi malissimo. Con l’etá inizi a cambiare,meno pragmatismo e più filosofia. Sei stufa di farti del male,meglio,la teoria che la pratica. Più giri mentali,piú ragionamenti,più selezioni,e inizia a migliorare. É un lungo processo,per nulla agevole,ma ne vale la pena. Anche questo é invecchiare.

One – UnoTi senti meglio

o non sei migliorata

diventerà più facile per te

ora che hai qualcuno da biasimare

Tu dici

un amore

una vita

quando è solo un bisogno

nella notte

é un amore

che dobbiamo condividere

che ti lascia

se tu non te ne preoccupi

Ti ho deluso?

o ti è rimasto l’amaro in bocca?

ti comporti come se non fossi mai stata amata

e vuoi che io ne faccia a meno

bene, è troppo tardi

questa notte

per tirare in ballo il passato

per portarlo alla luce

noi siamo uno

ma non siamo gli stessi

dobbiamo sostenerci a vicenda

Sei venuta a chiedere perdono?

sei venuta a riportare in vita ciò che è morto?

sei venuta qui per comportarti come Gesù?

verso i lebbrosi che pensi di avere nella tua testa?

Chiedo troppo?

più di quanto sia dovuto?

tu mi hai dato niente

ed ora è tutto ciò che ho

noi siamo uno

ma non siamo gli stessi

ci feriamo a vicenda

e poi lo rifacciamo ancora

Tu dici

l’amore è un tempio

l’amore è la più nobile delle leggi

mi hai chiesto di avvicinarmi

ma poi mi hai fatto strisciare

ed io non posso continuare a sopportare

il modo in cui ti comporti

se l’unico modo che conosci è ferire

Un amore

un solo sangue

una vita

devi fare ciò che devi

una vita

insieme

sorelle

fratelli…

Non mi fanno fare niente,solo riposo. Si é cosí attivato un servizio di catering per me e la mia famiglia. Una pacchia: tutte donne che cucinano benissimo,mi chiedono cosa desideri, fanno vassoi pantagruelici con ogni prelibatezza! Maritino e figlia sperano duri per un bel po’,mai mangiato meglio. Insomma,siamo all’ingrasso. Chissá he esami ematici avró fra un mese….non ci penso. Me la godo e lievito come una frittella.

Il bilancio della mia degenza ospedaliera. I buchi dovevano essere 3, invece,con complicazioni sono 4 . Le vene che mi hanno rotto sono 7, potevano essere 6 se solo mi avesse ascoltato quell’infermiera stamattina. Comunque sono viva e aspetto i risultati. Vivró sospesa nel dubbio per 20 giorni,poi sapró che percorso mi aspetta… Medici meravigliosi,diagnostistica al top,un po’meno eccellente il personale di reparto,ma sorvoliamo. Degenza breve: sono a casa,stropicciata come una foglia,ma conto che una buona dormita nel mio letto mi rimetta in sesto. Lentamente mi riprenderó. Sono circondata da un affetto smisurato,amicizie vere, rapporti rinsaldati e il mio cuore vola. Nonostante il momento non ideale,sono molto felice. Non posso che prostrarmi nei ringraziamenti a tutti quelli che ci sono stati per me,gente che neppure immaginavo ci tenesse cosí tanto al mio benessere. Spero che quest’onda positiva mi porti in alto,fuori dal dolore e dalla preoccupazione,e mi dia modo di ricambiare tanto bene riversatomi.

Dopo una corroborante gita di 2 giorni a Vigna di Valle e al 70º Stormo,sono a dieta iperproteica. Non sapevo quanto mi potessero mancare frutta e verdura,fino ad oggi. Per fortuna sono solo 2 giorni,invece di 5, per l’urgenza dell’intervento. Sono stata bene,in buona compagnia,ho visto pezzi di storia d’Italia,ho sentito presentazioni appassionate ed orgogliose e mi sono sentita fiera del mio paese,per le eccellenze che esprime. Sono contenta che mio marito si sia distratto,per un po’libero da cattivi pensieri,a farsi una sana risata con i nostri compagni di viaggio. In questi giorni molti si sono interessati a me,con telefonate,visite,presenza: ringrazio tutti. Ringrazio mia figlia,che regge nonostante il suo essere fragile,che aiuta,conforta i suoi genitori. Un bacio alle mie cugine e alla mia amica di Torino,che si sono rese disponibili e non mi abbandoneranno. Un abbraccio a chi prega per me,so che é importante. I pensieri positivi che mi giungono,mi sollevano molto. Un grazie grandissimo a mio marito,che nonostante sia abbattuto,non lo da a vedere,cerca di imparare le cose essenziali per il funzionamento della casa,mi incasina la vita a più non posso e mi risolve delicate situazioni. Grazie ai miei animali da compagnia,con il loro intuito animalesco mi seguono come un’ombra e mi regalano tenerezza. E grazie a te,a cui voglio un bene infinito,perché ti sei fatto vivo, ti sei informato: lo interpreto come un segno di interesse,nonostante tutto il male che ci siamo fatti e continuiamo a farci. Nemmeno l’eternitá potrebbe farmi dimenticare l’amore che provo. Buona vita: se ne esco viva ci risentiremo a fine mese.

La mia mamma é in un posto bellissimo,sta bene,si gode l’eternitá con annessi e connessi. La mia figlia 2 é incinta,tra qualche mese avrá uno splendido bimbo,sará felice e sará una ottima madre. Una cara amica ha avuto una figlia da poco,le auguro ogni bene. Molte mie amiche sono mamme: alcune speciali,altre coraggiose,tutte fanno quello che possono,ma lo fanno al meglio. Per tutte loro domani sará un giorno di auguri,festa,riunione con i figli. Io no. Io fuggo,lontano,per non pensare,per non soffrire piú.