Questo il commento wa di mia figlia all’annuncio che Sandra aveva vinto l’asta. Che giornata incredibile! Iniziata alle 8,15 davanti allo stadio di  T., aspettando Betta e Sandra da Torino. Carichiamo i miei regali e la famosissima torta della nonna Ines,che riesco a realizzare dopo anni passati ad osservarla mentre la preparava. É il mio regalo per tutti loro,per la loro cena natalizia famigliare. Arrivate a C.,subito al bar: Betta sembra addormentata,ordina ginseng e si fa fuori 3 brioche,tanto poi va a vogare all’Armida smaltirà. Dall’avvocato,formalità sbrigate,apertura unica busta,di Sandra,baci abbracci,felicità che esterniamo al lavascale del palazzo,che ci guarda stranito,3 signore stordite che sono allegre come dopo una sana bevuta. Dobbiamo tirare fino alla mezza….giretto in via Roma, ultime cazzatine per Natale,Sandra si concede l’acquisto di un abitino nero,molto particolare,per festeggiare. Al mercato,compriamo fiori per il cimitero. Aperitivo in un postaccio,colpa mia che ero rimasta ai proprietari precedenti. Ci raggiunge mia figlia e andiamo a pranzo. Betta si é svegliata,ha le pupille grosse come bottoni.- Che occhi…- ma no, sono le lenti a contatto.     Poi inizia a fare battute sagaci,senza freni,molto centrate e in un attimo il nostro tavolo si trasforma in un numero comico,ridiamo come matte,una serie di battutacce made in Betta,che poi si schermisce- ..ma dai,io sono sempre stata così?    Certo! – scusa Betta ,cosa hai preso? – Lexotan da 3 giorni,poi uno psicofarmaco,ma poi mi riprendo,domani ho un otto in notturna sul Po.      Apriti cielo,come fara a vogare,Dio solo lo sa……ordiniamo il dolce: io la Tatin di mele,sandra il fondente dal cuore morbido,figlia e Betta la charlotte monte Bianco. Assaggia:- non mi piace,c’é il pan di spagna. Credevo fosse tutta mousse a strati. Sandra scambi dolce?        E Sandra scambia:- ma questo fondente non mi piace,mangio solo il gelato.       Difendo la mia Tatin,non si sa mai…… – Betta, ridammi il fondente se non lo mangi.    – Prendilo pure,ma dammi il gelato.    La cameriera ci guarda scovolta….- scusi,possiamo prendere l’acqua dell’altro tavolo ,che l’hanno lasciata lì?- guardi signora che gliene porto una fresca. – ma quella va sprecata,é ancora quasi piena…….        Cediamo ai voleri della cameriera,che non vede l’ora di sbatterci fuori. Usciamo,vado in auto con mia figlia,un secondo e:- scusa,ma dove abbiamo lasciato la macchina? Non sappiamo più ritrovarla…….       Risolto il mistero del posteggio,tutti a vedere la casa delle Tre Venezie! Solo in esterno,fendendo la vegetazione ancora troppo verde,siamo felici,fantastichiamo,Sandra vorrebbe già scavalcare la recinzione e iniziare a pulire il giardino,ma glielo sconsigliamo,meglio attenersi alla legge,tra 120 giorni si potrá. Ormai é sua,un po’nostra di riflesso: l’avventura sta per iniziare. Passeremo un fantastico Natale! 

   

Annunci