Scrivo un cartello e lo appendo in chiesa:” si prega di non accendere ceri nel periodo estivo,con le finestre aperte si crea corrente e potrebbero generarsi incendi. Quali ceri ,fate un’offerta alla Parrocchia”. Tutto chiaro?  Ma no,apriti cielo! Oggi. 3 contatti per chiarimenti. – ma scusa,non c’é mai stato nessun incendio. -Lo so,ma se mettete i ceri sotto alle statue di legno,basta che uno si rovesci e si incendia la chiesa. In inverno,con le finestre chiuse,il pericolo é minore.      – ma l’offerta per i ceri,va specificata? – no,non é necessario,basta metterla nel cesto dell’elemosina,l’intenzione é un patto fra te e il tuo santo preferito.      – i ceri li abbiamo sempre pagati,cosa credi? – non metto in dubbio! Dico solo che adesso,mettete solo l’offerta  e non accendete il cero.

E non finirá quí……c’é ancora aperta la questione che un chierichetto si addormenta durante la funzione,appoggiandosi a Santa Rita,giá traballante di suo. Mi segnalano il problema ma non vogliono che parli al bambino….mi toccherá puntellare la Santa con un paletto: robe da matti!

Per fortuna sono molto rilassata,penso positivo. 

 

Annunci