Cenetta con Prof e Archistar,localino delizioso,conversazione piacevole e stimolante. Arrivano 2 famiglie con piccoli bambini urlanti e chiassosi,si siedono al nostro fianco. Noto subito l’irritazine dell’Archi” C…o,sono arrivati,proprio vicino a noi. ….Guarda i genitori come sono contenti che i loro mostri facciano sto baccano! Eh giá,se i loro tesorini non sono al centro dell’attenzione,non sono contenti!” . Continuiamo la cena,ad ogni urlo gli si gonfiano le vene del collo,anche la Prof é irritata: in effetti i bambini scorrazzano per il locale,piangono,urlano come fossero a casa loro,ma io non sono infastidita perchë ho avuto figli piccoli,tante ere geologiche fa. Fra un” ma fate silenzio!” E un ” é insopportabile e maleducato” e un ” ehi!”, finiamo il pasto. Intanto le famigliole,rendendosi conto del disagio,finiscono in fretta e furia e se ne vanno. Restiamo a chiacchierare ancora per un’ora buona,rilassati. All’uscita” la prossima volta telefono prima e chiedo se ci sono bambini prenotati, nel qual caso,cambiamo ristorante. L’ho detto al proprietario: é scorretto accettare gente cosí nel tuo locale,infastidiscono gli altri commensali”.

Loro abitano da soli,tutti abitiamo in un paesino isolato,senza rumori,se non quelli della natura: é una cosa bellissima,ma ti fa perdere il contatto con il mondo esterno,che é fatto di suoni,rumori,gente a cui noi fatichiamo a rapportarci. É il rovescio della madaglia.

Annunci