Arriviamo,niente posteggio,un sacco di gente fuori. Si avvicinano chiedendo se abbiamo un biglietto in piú da vendere,ed é strano,visto che l’etá media é 50 anni. Il nostro solito tavolino,a posto. Iniziano i Giganti,in formazione rimaneggiata,riconosco Enrico Maria Papes: esibizione gradevole,i loro cavalli di battaglia accendono il pubblico. Poi i New Trolls,usciti da una macchina del tempo,completamente estranei alla realtâ,ma quando suonano….una delizia. Sono sempre stati di un altro pianeta,ieri come oggi. Applausi da spellarsi le mani. Ecco i Camaleonti: sembrano dei ” mandic”, attaccano le loro hits,ma la voce non c’é. Persino Tonino é imbarazzato,fa quel che puó. Applausi di cortesia. DikDik: un nome,una garanzia. Invecchiati con discreta dignitá,reggono bene il palco,le canzoni sono patrimonio dell’umanitā,applausi meritati. 

Una bellissima serata,esco senza voce,con mille refrain che mi girano nel cervello e poi la contentezza di aver intravisto,per caso, gesti di tenerezza e complicitâ tra Miogianni e Medani. Una storia d’amore che si era interrotta e spero proprio riprenderâ,non appena passata la bufera,i presupposti ci sono.

Annunci