Che anno! Iniziato malissimo e finito in sofferenza. Sará che l’etá non aiuta,che intorno a me molti amici non se la passano bene,sará che reagisci male ai colpi,insomma una tristezza. Per caritá,ho anche avuto momenti belli ed esaltanti,bei viaggi,tanto amore e affetto,ma mi sento come su una zattera che galleggia su un mare di infelicitá. Anche la telefonata di D., stasera,mi ha fatto male. Non sono mai felice se un amico se la sta passando maluccio,se é costretto a decisioni drastiche. Prima ero piú solidale,mi spendevo di piú,ora mi trattengo,come se il disagio altrui potesse contagiarmi: mi rattristo sul subito,poi scrollo le spalle e considero che ognuno di noi é il risultato dei proprii errori e che non posso intervenire piú di tanto.
Cerco un pensiero positivo,per chiudere il 2014: la nascita di Livia,bambina amatissima,che ha portato gioia e serenitá in una casa dove da troppo tempo regnava il dolore. La nascita di Gioia,voluta con determinazione,é stata una benedizione. La riuscita della mia battaglia legale,perché se sei in regola con le leggi,prima o poi,ti daranno ragione. I volti felici delle persone a cui voglio bene,in varie circostanze in cui sono stata loro di aiuto. I miei piccoli animaletti: ci amiamo incondizionatamente. La vicinanza della mia famiglia,serena e solidale. Il sapere che sei felice,anche se non possiamo piú dircelo.
Buon anno,di cuore.

Annunci