La mia colf ne sa, di tutto e di ogni cosa. Ha opinioni e pensieri su tutti gli aspetti umani, la vita in generale, é una vera miniera di insegnamenti.
Molte sue esternazioni mi fanno sorridere, per ingenuitá e faciloneria, altre le trovo bastardissime, ma non le vado dietro nei discorsi e morta lí.
Mi parla del suo consuocero, morto di infarto improvvisamente e, autoreferenziale com’é, subito si immedesima nella eventuale vedova di un morto improvviso.
-” se capitava che moriva mio marito, era un bel guaio! Dove andavo a mangiare? Come vivevo? Io non sono mica da andare sotto i ponti….no,no,io non faccio la vita grama. Guarda, se capitava a me, dopo il funerale, uscivo con un coltello, il primo che passava lo accoltellavo, non tanto, solo da fargli un po’male, poi mi facevo arrestare. Almeno per un po’ ero al caldo e mangiavo. Tanto uno viene vecchio, mica ha bisogno sempre di uscire e andare in giro, anzi , cosí mi riposavo.”
-” e se poi ti scarceravano?”
-” ah, niente, rubavo al supermercato o andavo in banca a fare una rapina, cosí mi rimettevano dentro ed ero a posto!”
(L’italiano é il suo, papale, papale)
Una mia cara amica invece:
-” appena mi accorgo che sono troppo vecchia, mi faccio Testimone di Geova: loro non ti abbandonano, ti seguono, a casa e in ospedale, cosí sono a posto”
Meditate, gente, meditate!

Annunci