Giovedí prossimo verrá operato agli occhi : non ci vede quasi piú,da entrambi. É molto angosciato, non potrá piú guidare,come fará? Dipendono tutti da lui, un arzillo ottantenne. Eppure ha uno spirito indomito,lavora come un matto,inventa,realizza,una manualitá fantastica. Mi ha da poco fatto una zanzariera,perfetta. Io non ci saró,parto lunedí,cosí vado a salutarlo,a fargli un ” in bocca al lupo”. Mi ringrazia,fa battute ,e poi:” sa,vieni quí che ti stringo la mano,buona fortuna a me e a te”.
Mi ero giá protesa per dargli un bacio, ma no,lui ha troppo pudore,non é abituato,vecchio contadino cresciuto nel rispetto e negli antichi valori. Anche se con tutti dice di me : ” é piú che mia sorella”, nonostante i 27 anni che ci separano,non accetterebbe mai un bacio sulla guancia,lo metterebbe troppo in imbarazzo. Sorrido,ma mi domando che vita affettiva abbia avuto,con che approcci si sia fatto avanti con sua moglie, come viva questi tempi lassi di moralitá. Forse,peró,queste domande me le faccio solo io….
Quando torno,dopo l’operazione, lo baceró,per levarmi la soddisfazione.

Annunci