Oggi sono andata a Milano a sentire l’orchestra della Scala che suonava a teatro vuoto e a porte aperte il Requiem dalla 5 Sinfonia di Beethoven ,in onore del Maestro Abbado. Sono arrivata presto,per fortuna,tutti i pochi posti dove ci si poteva sedere occupati. Ho pogato come a un concerto rock e mi sono portata nelle prime file.ho trovato posto vicino ad un lampione scagazzato dai piccioni,ma l’idea di stare 1 ora in piedi non mi attirava. Cosí ho sacrificato il mio giaccone e mi ci sono appoggiata. Sempre pogando ho fatto posto ad un signore anziano che non ne poteva piú,ci si é appoggiato anche lui. Di fianco avevo Gad Lerner e famiglia,molto discreti e sorridenti. Si sono finalmente aperte le porte della Scala,un silenzio magico é calato sul pubblico e la potenza della musica si é riversata in piazza. Inutile dire della bravura dell’orchestra,il pubblico é rimasto ammutolito dal vigore delle note,cristalline e fulgide in questa sera d’inverno. Una bella emozione,sono felice di averla povata. Al termine,non ci si osava applaudire,per rispetto e deferenza.
Uscendo ho visitato la mostra su Leonardo,molto ben allestita e che consiglio a tutti.
Ora dormiró felice come una Pasqua,buonanotte.

Annunci