Porto Rocco a correre in campagna. In questi giorni di gelo,con la brina per terra,il terreno che scrocchia,mi avventuro per un tratturo( non é un gioco di parole) creato in mezzo alle sterpaglie dal passaggio del trattore trincia erba,e sbuco in un noceto. Alberi allineati che seguono dolcemente la curva collinare,sbucando in un enorme prato dove il cane corre a perdifiato. Mentre lui sfoga la sua energia di cucciolo,io mi appoggio ad un noce e osservo. Guardo i paesi limitrofi,sospesi nella nebbia,in controsole,il fumo dai comignoli.i riflessi di luce sui tetti. Guardo il cielo,solcato dagli aerei: mi trovo a metá sulle rotte tra Malpensa e Caselle. A quest’ora conto 4 aerei in fila che volano da est a nord,nello stesso corridoio ma ad altezze diverse,2 che vanno da nord a sud,1 da ovest a est e 1 da sud a nord. La domenica c’é meno traffico. Osservo la natura,stupefacente e varia,addormentata in attesa della stagione del risveglio. Mi perdo in mille pensieri gioiosi,felice e rilassata. Non credevo che questa passeggiata ad un’ora mattutina cosí fredda mi portasse cosí tanti vantaggi,ho dovuto ricredermi. Cosí,ogni giorno,io e il cane ci regaliamo un’oretta di felicitá,per iniziare bene,poi si vedrá.

Annunci