Non vado spesso in cittá,oggi dovevo per forza. Appena posteggio l’auto mi sento un pesce fuor d’acqua,la gente mi infastidisce. Mi ci vuole qualche momento per adattarmi a tutta questa urbanitá. Mi accorgo che quí é giá pieno clima natalizio: addobbi,vetrine,allestmenti,concorsi a tema,pinetti,ecc. io sono ancora lontana mentalmente da questa atmosfera,ho ancora troppi impegni da onorare,non mi posso concentrare sui regali e sulle feste. Noto che ci sono anche tante svendite,saldi camuffati,per arrotondare bilanci asfittici. É tutto un dejá vu,cose sempre uguali,solo piú care e mi chiedo chi comprerá il Babbo Natale teiera,che vedo da anni nella stessa vetrina,o il pigiama con gli orsi,altra novitá. Che disgusto! Quando ero brillante,pensavo da mesi prima ai regali,ad ognuno il suo,centrando sempre l’obiettivo. Ora sono in difficoltá pure con i miei di casa,con gli altri é una pigra abitudine di scambio che non ha piú senso. Eppure,se ricevi,devi ricambiare,per educazione. Mi do un po’ di tempo,tra dieci giorni ci penseró.

Annunci