Non riesco mai a regolarmi con l’acquisto del pane,perché non so mai quanti siamo a pranzo o cena. E nel fine settimana é anche peggio.Ho tentato di non comprarne piú,usare solo grissini,ma che vita é? Fin da piccola ne ero golosissima: mia nonna mi mandava a bottega a comprarlo e per strada ne mangiavo la metá.Ricordo perfettamente il sapore: allora veniva cotto in forno a legna,una crosta fragrantissima e un interno morbido e delizioso. Ho sempre amato le grissie,belle doppie con tanta mollica. Nel periodo in cui abitavo a Pavia,ero infelice,pane di marmo dell’Armida,immangiabile. In ogni cittá testo le panetterie,per trovare quella giusta,mica facile! Da qualche anno ho individuato 4 posti che mi soddisfano con il loro prodotto,cosí ho alternative valide in caso di ferie e festivitá. E quello avanzato? Se non lo mangiano gli animali( cane,gazze,piccioni,passerotti,corvi,volpi,galline), lo taglio a fette e faccio le bruschette.Oppure lo grattugio per l’impanatura,non va mai sprecato,sarebbe un delitto.

Annunci