Ovvero,pacificatrice. Oggi é scoppiata l’ennesima incomprensione fra la badante e la figlia della badata. Giá ieri avevo avuto sentore di scintille,stamattina alle 9 la telefonata killer:” Vieni quí se no l’ammazzo!”. É giá difficile capirsi tra madrelingua,vuoi per differenza ulturale,vuoi per carattere,tra due universi lontani é impresa ciclopica. Per tanto che la badante parli correttamente l’italiano,contano parecchio le sfumature,in un discorso. Cosí,per una questione che si poteva risolvere in un secondo,a momenti si finiva al Pronto Soccorso. In piú,entrambe,hanno una bella testa dura! Con calma,prendendole separatamente, ho fatto capire a una che un uso letterario dei termini,a volte,non é la cosa migliore( ma che glielo dico a fá?) e all’altra che ha scambiato per accuse un semplice ragionamento e ha interpretato male le parole. Ora sono ancora un po’ fredde,ma la faccenda si risolverá. Una l’ho portata via subito,a fare spese,per alleggerire la tensione,la badante la porto giovedí a comprare le scarpe. Andremo in cittá,a fare un giro,un po’di cazzeggio per svagarsi e tornerá allegra,spero. Perché tocca sempre a me?

Annunci