Povera gioventú,senza speranza e con tanti sogni. Vorrebbero un lavoro,un futuro,una piccola certezza,l’indipendenza e invece devono per forza restare aggrapati a noi genitori per sopravvivere. É senza dubbio la peggior crisi degli ultimi 60 anni,come una guerra,senza allegria,senza vedere una fine. Ritengo che da questa esperienza durissima usciranno persone forgiate a ogni genere di avversitá. Perché bisogna essere forti,avere grinta da vendere,ingegno,duttilitá,egoismo sano e spavalderia per andare avanti. Non mi piace ma é cosí. Come genitore cerco di resistere,resistere,resistere,e alleviare il peso con la leggerezza dell’esperienza. MA QUANTO CAZZO É DIFFICILE PERÓ.

Annunci