“adesso cerco volontari per tagliare la siepe di G.che ci ha dato il permesso di farlo” inizia così la solita avventura farlocca e io l’oca che ci casca sempre. Stamattina,con i miei mezzi manuali,taglio due metri di siepe,raduno le fronde,pulisco bene,visto che nel pomeriggio ero impegnata e i volontari agivano senza me. A mezzogiorno:”ho sentito cicisbeo e papi,dicono di fare il lavoro a novembre con la motosega,per cui non toccare niente”. Tutte le volte così,prima ti mette il fuoco al culo perchè siamo in urgenza assoluta,in un secondo cambia idea,nulla si muove senza il parere del suo sodale,che,guarda caso,mai è in sintonia. Io,stupida,mi sono fatta il mazzo,pensare che di questa nuova avventura manco me ne importava! Mi sento sempre ricattata(non c’è più nessuno,se anche tu non mi segui il paese muore,più nessuno si interessa,siamo finiti,….) il mio buon cuore mi fa agire d’impulso, sempre mi frega. Devo imparare a dirle NO,NON MI VA,NON MI IMPORTA: all’inizio farà un po’di lamenti e recriminazioni,poi mi lascerà in pace. A volte è molto difficile mantenere un’amicizia.

Annunci